Canzoni per bambini - Testi canzoni per bambini, Video Canzoni per bambini

Gli animali golosi

January 20th, 2012 by admin

Un elefante grosso grosso
che si dondola così
che si dondola così
col suo nasone lungo lungo
ha preso tutti i miei poc-corn ha preso tutti i miei pop corn…
un due tre,un due,tre
è un elefante goloso come me.

Una scimmietta svelta svelta
che si arrampica così che si arrampica così,
con la manina cicciottella,
ha preso la mia caramella ha preso la mia caramella…
un due tre,un due tre
è una scimmietta golosa come me.

Un anatroccolo piccolino che nuotava così,che nuotava così
con il suo becco giallo e piatto,
ha mangiato il mio gelato,ha mangiato il mio gelato…
un due tre, un due tre
è un anatroccolo goloso come me.

Un due tre,un due tre,
l’elefante goloso,la scimmietta golosa l’anatroccolo goloso,
gli animali golosi come me.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Il maggiolino Cicciaboccia

March 14th, 2011 by admin

Nel bel mezzo del giardino su una foglia se ne sta
un grassoccio maggiolino vuoi sapere cosa fa
prende shampoo e spazzolone ed in fretta se ne va
nella goccia di rugiada che ha lasciato l’acquazzone

Insapona le sue alette scivolando qua e là
poi risciacqua le zampette e un saltino adesso fa
una gira giravolta, poi un’altra ne farà,
ma che buffo poi ripete tutto quanto un’altra volta

Il maggiolino Cicciaboccia sulla foglia fa la doccia
scrolla il suo pancino e finisce a testa in giù;
il maggiolino Cicciaboccia saltellando fa la doccia
scopre un ballettino che puoi fare pure tu

Il maggiolino Cicciaboccia sulla foglia fa la doccia
scrolla il suo pancino e finisce a testa in giù;
il maggiolino Cicciaboccia saltellando fa la doccia
scopre un ballettino che puoi fare pure tu

maggiolino
Cicciaboccia
maggiolino
Cicciaboccia

Ha bagnato un millepiedi che passava per di là
tanta schiuma come neve col sapone poi farà
soffia sulle bollicine che van verso il cielo blu
tante piccole stelline che risplendono lassù

E’ contento il maggiolino mentre fermo se ne sta
sotto il sole del mattino ad asciugarsi sogna già
tante bolle di sapone dai riflessi rosa e blu
mentre dorme russa un poco sembra canti una canzone

Il maggiolino Cicciaboccia sulla foglia fa la doccia
scrolla il suo pancino e finisce a testa in giù;
il maggiolino Cicciaboccia saltellando fa la doccia
scopre un ballettino che puoi fare pure tu

il maggiolino Cicciaboccia sulla foglia fa la doccia
scrolla il suo pancino e finisce a testa in giù;
il maggiolino Cicciaboccia saltellando fa la doccia
inventa un ballettino che puoi fare pure tu

mentre fai la doccia lo puoi fare pure tu
mentre fai la doccia lo puoi fare pure tu

Posted in Uncategorized | 3 Comments »

Nella vecchia fattoria

February 5th, 2008 by admin

Nella vecchia fattoria ia-ia-o
Quante bestie ha zio Tobia ia-ia-o
C’è la capra-capra-ca-ca-capra
Nella vecchia fattoria ia-ia-o.

Attaccato a un carrettino ia-ia-o
C’è un quadrupede piccino ia-ia-o
L’asinel-nel-nè-nè-nel
C’è la capra-capra-ca-ca-capra
Nella vecchia fattoria ia-ia-o.

Tra le casse e i ferri rotti ia-ia-o
Dove i topi son grassotti ia-ia-o
C’è un bel gatto-gatto-ga-ga-gatto
L’asinel-nel-nè-nè-nel
C’è la capra-capra-ca-ca-capra
Nella vecchia fattoria ia-ia-o.

Tanto grasso e tanto grosso ia-ia-o
Sempre sporco a più non posso ia-ia-o
C’è il maiale-iale-ia-ia-iale
C’è un bel gatto-gatto-ga-ga-gatto
L’asinel-nel-nè-nè-nel
C’è la capra-capra-ca-ca-capra
Nella vecchia fattoria ia-ia-o.

Poi sull’argine del fosso ia-ia-o
Alle prese con un osso ia-ia-o
C’è un bel cane-cane-ca-ca-cane
C’è il maiale-iale-ia-ia-iale
C’è un bel gatto-gatto-ga-ga-gatto
L’asinel-nel-nè-nè-nel
C’è la capra-capra-ca-ca-capra
Nella vecchia fattoria ia-ia-o.

Nella stalla silenziosa ia-ia-o
Dopo aver mangiato a iosa ia-ia-o
Dorme il bue-bue-bu-bu-bue
C’è un bel cane-cane-ca-ca-cane
C’è il maiale-iale-ia-ia-iale
C’è un bel gatto-gatto-ga-ga-gatto
L’asinel-nel-nè-nè-nel
C’è la capra-capra-ca-ca-capra
Nella vecchia fattoria ia-ia-o.

Posted in Uncategorized | No Comments »

I tre porcellini

November 20th, 2007 by admin

In un tiepido mattin
se ne vanno i porcellin
dimenando al sole i loro codin,
spensierati e birichin.

Il più piccolo dei tre
ad un tratto grida “ahimé”,
da lontano vedo un lupo arrivar
“non facciamoci pigliar”.

Marcia indietro fanno allor
a gran velocità
mentre il lupo corre ancora
a casa sono già

Prima chiudono il porton
poi s’affacciano al balcon
or che il lupo non può prenderli più,
tutti e tre gli fan cucù.

Ah ah ah che bell’affare,
il lupo non potrà cenar

Siam tre piccoli porcellin,
siamo tre fratellin
mai nessun ci dividerà,
trallalla-lallà.

Siam tre piccoli porcellin,
siamo tre fratellin
mai nessun ci dividerà,
trallalla-lallà

Posted in Uncategorized | No Comments »

Bimbo bimba

August 27th, 2007 by admin

L’isolotto sul mare blu
la stradina che porta su
sulla riva una casa c’è
dove i bimbi fan girotondo
Con le api che fanno zzz
ed il cane che fa bu bu
ed il corvo che fa cra cra,
tutti insieme canteremo…
Bimbo Bamba Bombo Bimbo,
Bombo Bamba Bumba, Bim Bum Ba.

Posted in Uncategorized | 1 Comment »

Beato te galletto

August 18th, 2007 by admin

Beato te galletto che non vai a lavorare,
ti alzi la mattina, “Chicchirichì” cominci a fare;
chicchirichì, chicchirichì, è già l’ora che spunta il dì
chicchirichì, chicchirichì, è già l’ora che spunta il dì.

Beata te gallina che non vai a lavorare,
ti alzi la mattina, “Coccodè” cominci a fare;
coccodè, coccodè, voglio un uovo sol per me,
coccodè, coccodè, voglio un uovo sol per me.

Beato te pulcino che non vai a lavorare,
ti alzi la mattina, “Pio pio” cominci a fare;
pio pio, pio pio, voglio un uovo tutto mio,
pio pio, pio pio, voglio un uovo tutto mio.

Beato te bambino che non vai a lavorare,
ti alzi la mattina, “Ciao ciao” cominci a fare;
ciao ciao ciao ciao, ciao mamma, ciao papà
ciao ciao ciao ciao, ciao mamma, ciao papà.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Banana cocco baobab

August 9th, 2007 by admin

Ero stanco di essere un uomo della città,
in mezzo a gabbie di cemento a vivere: come si fa?
Molti problemi inutili, troppe preoccupazioni,
è meglio andar sugli alberi e mettersi a penzoloni e fare:

Rit.
Uh,uh, ah,ah, uh,uh, ah,ah, uh,uh, ah,ah, banana cocco baobab
banana banana banana banana banana
banana banana banana banana banana
banana cocco baobab

Andare sulle liane invece che col tram
e al posto del vestito la pelliccia di Pierre Tarzan
e stare in cima agli alberi a tirare le banane
in testa ai coccodrilli, ai bufali e ai cinghiali e fare:

Rit.
Uh,uh, ah,ah, uh,uh, ah,ah, uh,uh, ah,ah, banana cocco baobab
banana banana banana banana banana
banana banana banana banana banana
banana cocco baobab

Stare sotto il cielo e non dormir nel letto
Invece che studiare buttarsi giù dal tetto
Correre nei sui prati e bruciare anche i canguri
E poi tutti nel vento a fischiar come i siluri e fare:

Rit.
Uh,uh, ah,ah, uh,uh, ah,ah, uh,uh, ah,ah, banana cocco baobab
banana banana banana banana banana
banana banana banana banana banana
banana cocco baobab

Posted in Uncategorized | 2 Comments »

All’Asilo si sta bene

August 2nd, 2007 by admin

Addio mamma, papà addio
vado all’Asilo per tutto il dì.
Colletto bianco, cestello al fianco
minestra buona, gioia nel cuor.
Arrivederci a questa sera,
quel che imparo a voi dirò.
Arrivederci a questa sera,
quel che imparo a voi dirò.
All’Asilo si sta bene
e s’imparan tante cose,
la maestra ci vuol bene
è così che piace a noi!

Posted in Uncategorized | 3 Comments »

All’asilo no no no

August 1st, 2007 by admin

Io all’asilo non voglio andare no no no
Non mi sento bene ed il pancino mi fa mal
Toccami la fronte ho un po’ di febbre e perciò
Io all’asilo non posso andare ,no,no,no
Non inventare scuse, e non cercare di imbrogliar
Il tuo mal di pancia, è un’invenzione e tu lo sai
Hai la fronte fresca come una rosa caro mio
Non raccontarci storie perché la febbre non c’è l’hai
Io all’asilo non voglio andare no no no
Non mi sento bene, e ve l’ho già detto che sto mal
Noi andiamo a scuola, ma tu all’asilo devi andar
Su non fare il furbo e non cercare d’imbrogliar
Io all’asilo non voglio andare no no no
Non mi sento bene ed il pancino mi fa mal
Se sei ammalato ti porteremo all’ospedal
Ma se non hai febbre all’asilo devi andar
Io all’asilo non voglio andare no no no
Non mi sento bene, e ve l’ho già detto che sto mal
Se sei ammalato ti porteremo all’ospedal
Su non fare il furbo e non cercare d’imbrogliar
Io all’asilo non voglio andare, no, no, no
Io all’asilo non voglio andare, no, no, no
Io all’asilo non voglio andare, no, no, no

Posted in Uncategorized | 5 Comments »

Alla fiera di mastro André

July 30th, 2007 by admin

I bambini si dispongono in cerchio e cantando mimano gli strumenti musicali che sono di volta in volta nominati nella canzone.

Alla fiera di mastro André
aggiu cumpratu nu tamburiello
turututu lu tamburiello
alla miré, alla miré, alla fiera di mastro André
alla miré, alla miré, alla fiera di mastro André.

Alla fiera di mastro André
aggiu cumpratu nu piffariello
piripipi lu piffariello
turututu lu tamburiello
alla miré, …
alla miré, …

…aggiu cumpratu:

‘na viola, za za la viola;
nu viulino, zi zi lu violino;
‘na pistola, pem pem la pistola;
nu cannone, bum bum lu cannone;
‘na trombetta, pe pe la trombetta;
nu ciucciariello, ia ia lu ciucciariello.

Posted in Uncategorized | 1 Comment »

Alikam salam

July 27th, 2007 by admin

Alfabeto divertente
Rit.
Alikam-salam, Alikam-salam-salam (facendo inchini con le braccia tese in alto)
perepepè zum zum
perepepè zum zum zum zum (suonando la tromba con le dita)

Siamo andati nel persian
alla corte di Alikam.
Alikam era seduto
su un cuscino di velluto.

Rit.

E la figlia del sultano
era sdraiata sul divano.
Piange, piange si dispera
l’hanno fatta prigioniera.

Rit.

Ma il principe Pernacchia
le regala una cornacchia.
La cornacchia vola via
nell’immensa prateria.

Rit.

La cornacchia era fatata,
si trasforma in patata,
cade in testa ad un arciere:
quante stelle fa vedere.

Posted in Uncategorized | 3 Comments »

Alfabeto divertente

July 26th, 2007 by admin

A è un anatroccolo che non sa volare
B è una banana ancora da sbucciare
C è una chitarra suonata con amore
D è il desiderio che sento in fondo al cuore (2 volte)
E è l’emozione dopo lo sgomento
F è una farfalla che vola con il vento
G è un gelato al gusto di vaniglia
H è il suono che fa una conchiglia (2 volte)
I immaginare tante cose belle
L è la luna che brilla tra le stelle
M è il momento più bello della vita
N è la forza per dir non è finita (2 volte)
O è un orsacchiotto per giocare insieme
P è la paura di volersi bene
Q è un quadrifoglio trovato per la via
R è la rosa più bella che ci sia (2 volte)
S è il sogno che voglio realizzare
T è il tesoro che ognuno vuol trovare
U è l’ulivo colore dell’argento
V cosa può essere se non il vento (2 volte)
Ne rimane una ultima tra tante
ma tra tutte quante è la più importante
Z come zucchero da dare al bimbo mio
zucchero e il bene che ti voglio io (2 volte)

Posted in Uncategorized | 5 Comments »

Al canto del cucù

July 25th, 2007 by admin

L’inverno se n’è andato,
l’Aprile non c’è più;
è ritornato Maggio
al canto del cucù:
Cu-cù, cu-cù, l’Aprile non c’è più,
è ritornato Maggio al canto del cu-cù.
Lassù per le montagne
la neve non c’è più
comincia a fare il nido
il povero cucù.
Cu-cù, cu-cù, l’Aprile non c’è più,
è ritornato Maggio al canto del cu-cù.
La bella alla finestra
la guarda in su e in giù
l’aspetta il fidanzato
al canto del cucù.
Cu-cù, cu-cù, l’Aprile non c’è più,
è ritornato Maggio al canto del cu-cù.
Ti ho pur sempre detto
che Maggio ha la virtù
di far sentir l’amore
al canto del cucù.
Cu-cù, cu-cù, l’Aprile non c’è più,
è ritornato Maggio al canto del cu-cù.
Cu-cù, cu-cù, l’Aprile non c’è più,
è ritornato Maggio al canto del cu-cù.
cu-cù, cu-cù.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Acquerello

July 23rd, 2007 by admin

Sopra un foglio di carta lo vedi il sole è giallo,
ma se piove due segni di biro ti danno un ombrello.
Gli alberi non sono altro che fiaschi di vino girati,
se ci metti due tipi là sotto saranno ubriachi,
l’ erba è sempre verde e se vedi un punto lontano,
non ci scappa è il buon Dio o è un gabbiano e va’.

Verso il mare a volare ed il mare è tutto blu
e una nave a navigare ha una vela non di più,
ma sott’acqua i pesci sanno dove andare
dove gli pare non dove vuoi tu.

Ed il cielo sta a guardare ed il cielo è sempre blu,
c’è un aereo lassù in alto e l’aereo scende giù,
c’è chi a terra lo saluta con la mano
va piano, piano fuori da un bar, chissà dove va’.

Sopra un foglio di carta lo vedi chi viaggia in treno
sono tre buoni amici che mangiano e parlano piano,
da un’America all’altra è uno scherzo ci vuole un secondo
basta fare un bel cerchio ed ecco che hai tutto il mondo.
Un ragazzo cammina, cammina arriva ad un muro,
chiude gli occhi un momento e davanti si vede il futuro già.

E il futuro è un’astronave che non ha tempo né pietà,
va su Marte va dove vuole niente mai sai la fermerà.
Se ci viene incontro non fa rumore
non chiede amore e non ne da.

Continuiamo a suonare, lavorare in città,
noi che abbiamo un po’ paura, ma la paura passerà.
Siamo tutti in ballo siamo sul più bello
in un acquerello che scolorirà, che scolorirà.

Sopra un foglio di carta lo vedi il sole è giallo,
ma se piove due segni di biro ti danno un ombrello,
basta fare un bel cerchio ed ecco che hai tutto il mondo.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Addio lupetto

July 21st, 2007 by admin

Formiamo un gran cerchio
con le mani nelle man;
fratelli c’è un Lupetto
che oggi il branco lascerà.
Ma noi vogliamo dirgli ancor
che un dì ci rivedrem.
Arrivederci fratellin
presto ti seguirem.
Tu pure come Mowgli,
lasci il branco e vai lontan
tu pure come Mowgli,
sarai un uomo nel doman.

Ritornello:
Ma noi vogliam dirgli ancor
che un dì ci rivedrem.

Ricordati del branco,
noi di te fieri sarem
nessun ti scorderà,
fratello, e un dì
ti seguirem.

Ritornello:
Ma noi vogliam dirgli ancor
che un dì ci rivedrem.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Batti batti le manine

July 20th, 2007 by admin

Batti batti le manine
che viene papà,
dalla nonnina ti porterà.
Cosa hai mangiato?
Pane e formaggio!!
Cosa hai bevuto?
Acqua di mare…
Buttala via che ti fa male!

Posted in Uncategorized | No Comments »

Astro del ciel

July 17th, 2007 by admin

Astro del ciel,
pargol divin,
mite Agnello redentor,
tu che i vati da lungi sognar,
tu che angeliche voci annunziar
luce dona alle menti,
pace infondi nei cuor.

Astro del ciel,
pargol divin,
mite agnello redentor,
tu disceso a scontare l’error,
tu sol nato a parlare d’amor,
luce dona alle menti,
pace infondi nei cuor.

Astro del ciel,
pargol divin,
mite agnello redentor,
tu di stirpe regale decor
tu virgineo, mistico fior,
luce dona alle menti,
pace infondi nei cuor.

Posted in Uncategorized | No Comments »

El Merendero

July 17th, 2007 by admin

Mamma, mamma, lo sai chi c’è,
è arrivato il Merendero,
è arrivato col sombrero,
è arrivato, eccolo qua.
El Merendero!

L’è li, l’è là,
l’è là che l’aspettava,
l’è li, l’è là,
l’è là che l’aspettava,
l’è li, l’è là,
l’è là che l’aspettava,
l’è là che aspettava Miguel:
Miguel son mi!

Mamma, mamma, lo sai chi c’è,
è arrivato il Merendero,
è arrivato col sombrero,
è arrivato, eccolo qua.
El Merendero!

Ma mi, ma mi, ma mi non diso niente
Ma mi, ma mi, ma mi non diso niente
Ma mi, ma mi, ma mi non diso niente
nè diso niente a Miguel:
Miguel son sempre mi!

Mamma, mamma, lo sai chi c’è,
è arrivato il Merendero,
è arrivato col sombrero,
è arrivato, eccolo qua.
El Merendero!

E ti, e ti e ti non dise niente
E ti, e ti e ti non dise niente
E ti, e ti e ti non dise niente
non dise niente a Miguel:
Miguel son sempre mi!!!

Mamma, mamma, lo sai chi c’è,
è arrivato il Merendero,
è arrivato col sombrero,
è arrivato, eccolo qua.
El Merendero!

Posted in Uncategorized | No Comments »

Canzone per il papà

July 17th, 2007 by admin

Mille mille auguri caro papà
in un dì sì pieno di felicità!
Tu sei buono, babbo, con me
ch’è per me gran gioia star vicino a te.
Tutto in casa è splendido quando ci sei tu,
ma se sei lontano nulla splende più.
Anche se mi gridi, caro papà
mi vuoi tanto bene ed il mio cuore lo sa.
Tanti giorni lieti mi fai passar
quando, pur stanco, stai con me a giocar.
Mai eroe più grande di te ci fu
e dei miei sogni sempre il re sei tu.
Tante cose belle vedo intorno a me
ma nessuna è bella, babbo come te.
Molti regali Dio mi fa
ma il più bel regalo siete tu e mammà.
Siete tu e mammà.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Cappuccetto rosso

July 16th, 2007 by admin

Cappuccetto rosso, vieni, vieni qua
Se ti vede il lupo ti mangerà
Io non ho paura perché devo andare
Dalla mia nonnina che mi aspetta già
Questa focaccia le devo portare
Perché poverina sta tanto male
Cappuccetto rosso vieni, vieni qua
Se ti vede il lupo ti mangerà.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Abbasso il contrabbasso

July 16th, 2007 by admin

Ogni sera passo passo
fino a casa me ne vò.
Sulle spalle il contrabbasso
più pesante di un comò.
Gli strumenti sotto il braccio
già l’orchestra se ne va.
E di certo dall’impaccio
più nessun mi caverà.
Abbasso il contrabbasso
io non ne posso più.
Abbasso il contrabbasso
Non posso fare un passo
più libero non son.
Abbasso il contrabbasso
Chi me l’ha fatto far
il contrabasso di studiar.
Chi te l’ha fatto far
il contrabbasso di studiar.

Strumentale

Abbasso il contrabbasso
io non ne posso più
Abbasso il contrabbasso
Non posso fare un passo
più libero non son.
Abbasso il contrabbasso.
Chi me l’ha fatto far
il contrabbasso di studiar.
Chi te l’ha fatto far
il contrabbasso di studiar.
Questa sera passo passo
quando a casa arriverò
giù dal quinto piano a basso
il contrabbasso getterò.
Noo
Chi te l’ha fatto far
il contrabbasso di studiar.
Chi me l’ha fatto far
il contrabbasso di studiar.

Posted in Uncategorized | No Comments »

A caccia andiamo

July 16th, 2007 by admin

O lupi a caccia andiamo,
corriamo e pronti siam.
Sorriso lieto abbiamo
del nostro meglio urliam
e meglio urliam.
Si, bisognerà bisognerà
che vada si,
bisognerà bisognerà partir.
Si, bisognerà bisognerà
che vada si,
bisognerà bisognerà partir.
In mezzo alla natura
fratelli noi sarem.
Lupetti all’aria pura
felici correrem
e correrem.

Ritornello:
Si, bisognerà bisognerà
che vada si,
bisognerà bisognerà partir.

Rientrati nella tana
ricorderemo, si,
la caccia ormai lontana
cantando, ognor così
e ognor così.

Ritornello:
Si, bisognerà bisognerà
che vada si,
bisognerà bisognerà partir.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Il coccodrillo come fa

July 15th, 2007 by admin

Oggi tutti insieme
cercheremo di imparare
come fanno per parlare
fra di loro gli animali.
come fa il cane? bau bau
e il gatto? miao
l’ asinello? hi hoo hi hoo
la mucca? muuuuu…!!!
la rana? cra cra
la pecora? beee…!!!
e il coccodrillo?…
e il coccodrillo?…

boh..!!!

il coccodrillo come fa
non c’è nessuno che lo sa
si dice mangi troppo
non metta mai il cappotto
che con i denti punga
che molto spesso pianga

però quand’ è tranquillo come fa sto coccodrillo?…

il coccodrillo come fa
non c’è nessuno che lo sa
si arrabbia ma non strilla
sorseggia camomilla
e mezzo addormentato se ne va.

guardo sui giornali
non c’è scritto niente
sembra che il problema non importi… A chi?
alla gente
ma se per caso al mondo
c’è qualcuno che lo sa
la mia domanda è ancora questa qua!

il coccodrillo come fa
non c’è nessuno che lo sa
si dice mangi troppo
non metta mai il cappotto
che con i denti punga
che molto spesso pianga

però quand’ è tranquillo come fa sto coccodrillo?…

il coccodrillo come fa
non c’è nessuno che lo sa
si arrabbia ma non strilla
sorseggia camomilla
e mezzo addormentato se ne va.

adesso ripetiamo se vogliamo ricordare
come fanno per parlare
tra di loro gli animali
come fa il cane? bau bau
e il gatto? miao
l’ asinello? hi hoo hi hoo
la mucca? muuuuu…!!!
la rana? cra cra
la pecora? beee…!!!
e il coccodrillo?…
e il coccodrillo?…

boh..!!!

il coccodrillo come fa
non c’è nessuno che lo sa
si dice mangi troppo
non metta mai il cappotto
che con i denti punga
che molto spesso pianga

però quand’ è tranquillo come fa sto coccodrillo?…

il coccodrillo come fa
non c’è nessuno che lo sa
si arrabbia ma non strilla
sorseggia camomilla
e mezzo addormentato se ne va.

allora, avete capito come fa il coccodrillo?

lui mezzo addormentato se ne va!

Posted in Uncategorized | 3 Comments »

Babbo Gambalunga

July 13th, 2007 by admin

Babbo Gambalunga
traballando avanti viene
ma una gamba si spezzò
mise male un piede
triste e sconsolato
lo portaron dal dottore
“Or la gamba ingesserò
sentirà dolore.
Deve stare sempre a letto
con la gamba stesa
Caramelle deve aver
per la lunga attesa.”
Dopo un mese e dopo un dì
la gamba fu guarita
a ballare ritornò e così è finita.

Posted in Uncategorized | No Comments »

Quell’anello d’oro

July 13th, 2007 by admin

Posted in Uncategorized | 1 Comment »

Folletti d’Islanda

July 13th, 2007 by admin

Nel mare dell’estremo Nord
C’è un’isoletta che
Nasconde sotto il ghiaccio
Tanto fuoco dentro sè
Da ogni monte che c’è lì
Senti un coro notte e dì
Son le voci dei folletti
Che ci cantano così

Fidirallalla og diridiridò
Bium bium bamba
Fidirallalla og diridiridò
Bium bium bamba

La foca sullo scoglio
Sonnecchiando se ne sta
Il mare azzurro tace
Sotto il cielo chiaro ma
Come fu come non fu
Il silenzio non c’è più
È la gioia canterina
dei folletti che vien giù.
Fidirallalla og diridiridò
Bium bium bamba
Fidirallalla og diridiridò
Bium bium bamba

Í norðri út við ystahaf eyja litil ris
Þar glitrar himins geislatraf
og gneistar undir ís
yfir gnæfa fimbulfjöll
finna má þar álfa og tröll
sem að syngja dátt og dansa
dægrin löng um laut og völl

Fidirallalla og diridiridò
Bium bium bamba
Fidirallalla og diridiridò
Bium bium bamba
Fidirallallallallalla la la
Fidirallallallallalla la la
Fidirallallallallalla la la
Ribolle la sorgente
E il vapore che va su.
Imbianca il cielo e buca
Il buio nella notte blu.
Ed il coro salirà
Nella quieta oscurità
Aspettando l’Aurora Boreale che verrà

I pescatori intrepidi
Lavorano sul mar
E a casa il frutto portano
Del loro faticar
Quando ognuno tornerà
Benedetto allor sarà
E una reggia di folletti
la sua casa diverrà

Fidirallalla og diridiridò
Bium bium bamba
Fidirallalla og diridiridò
Bium bium bamba

Posted in Uncategorized | No Comments »

Il valzer del moscerino

July 12th, 2007 by admin

Beppone russava
Nel grande giardino
E sul suo nasone
Volò un moscerino
Il vento suonava
Un bel valzerino
Così il moscerino
Si mise a ballar.

Rit.
Un lalla un lalla un lallalà
Questo è il valzer
Del Moscerino
un lalla un lalla un lallalà
questo è il valzer
Che fa lallalà

Nel sonno Beppone
Che più non russava
Il naso arricciava
Rideva sognava
Sognava una piuma
Un fiocco di neve
Un petalo di rosa
Caduto dal ciel.

Rit.

Ma un gatto birbone
E pazzerellone
Colpì il moscerino
Graffiò il suo nasone
E il valzer finiva
E il gatto fuggiva
Così per Beppone
L’incanto svanì.

Posted in Uncategorized | 1 Comment »